Imperdibile sul sito di national geographic! Ebbene si lo ammetto sono un ascoltatore storico della sacca del diavolo.

E per rendere onore ad un collega qualcosina dalla mongolia.